ANGIOMI PIANI
24 Settembre 2017
NEVO UNGUEALE
26 Ottobre 2017

MOLLUSCO CONTAGIOSO

MOLLUSCO CONTAGIOSO
Il mollusco contagioso è una malattia virale della cute, specifica dell’uomo, causata da un Pox Virus a DNA. L’uomo è l’unica fonte del virus che viene trasmesso per contatto diretto, come per esempio attraverso gli asciugamani, o tramite contatti sessuali. Abrasioni meccaniche degli strati superficiali della cute facilitano l’infezione. Le lesioni tendono a diffondersi per auto inoculazione.

Il periodo di incubazione varia da 2 a 7 settimane, ma può arrivare fino a 6 mesi. La malattia è caratteristica dei primi anni di vita, di solito a partire dal secondo anno di vita, anche se può insorgere nell'adulto ed essere in questo caso espressione di contagio sessuale.

Il mollusco contagioso si manifesta nella forma comune con la comparsa di lesioni papulose cupoliformi raggruppate del colore della cute con ombelicatura centrale. La lesione matura, infatti, si presenta come una papula di 2 mm circa di diametro, con base d’impianto leggermente più stretta del massimo diametro, di colorito biancastro, con l’aspetto perlaceo, con superficie liscia, depressa al centro dove è presente un piccolo cratere da cui fuoriesce talora un fittone ipercheratosico.

Tuttavia, specie negli stadi iniziali, la lesione può non presentare le classiche caratteristiche morfologiche, come l’aspetto perlaceo e la depressione centrale, e rendere difficile la diagnosi. In questi casi l’aspetto dermoscopico può essere di aiuto mostrando una neoformazione biancastra, lobulata, talora con sottili telangectasie.
Nel bambino le lesioni interessano spesso la testa, tranne il cuoio capelluto, il tronco e talvolta le estremità. Una caratteristica del mollusco contagioso è quella di andare incontro a flogosi granulomatosa ed eventuale suppurazione. La flogosi può preannunciare la regressione dell’infezione.

Talora si può avere una impetiginizzazione degli elementi del mollusco contagioso, causata di solito dallo Stafilococco aureo, che si può estendere alla cute sana circostante, dando una piodermite.

La terapia prevede l’asportazione meccanica delle lesioni con curette (curretage).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.