Acne dell'adolescente
ACNE NELL’ ADOLESCENTE
1 Maggio 2018

GRANULOMA OMBELICALE

Si tratta di un neonato di 16 giorni, nato a termine, che presenta una lesione ombelicale di colorito rosso lucido esordita quattro giorni dopo la caduta del moncone ombelicale avvenuta all’età di 12 giorni. La lesione è stata trattata mediante cauterizzazione con un bastoncino di nitrato di argento. 
Il granuloma ombelicale appare come una formazione di colore roseo/rosso presente alla base dell’ombelico di dimensioni variabili da 1 millimetro a 1 centimetro circa. Esso si proietta al di fuori della cicatrice ombelicale e spesso la lesione appare peduncolata.

Non è presente alla nascita, si sviluppa dopo la caduta del moncone ombelicale - specie quando la caduta avviene in ritardo ed è presente infezione della ferita ombelicale - dalla proliferazione del tessuto di granulazione composto da fibroblasti e capillari che persiste alla base della ferita ombelicale.

La terapia convenzionale consiste nel cauterizzare accuratamente il granuloma con un bastoncino di nitrato d'argento al 75%.
La principale lesione ombelicale che entra in diagnosi differenziale col granuloma ombelicale - menzionando per completezza la rara anomalia embrionaria chiamata "malformazione dell'uraco" che può presentarsi con tumefazione rossa dell'ombelico - è il polipo ombelicale di cui allego un’immagine tratta da un articolo pubblicato su Jama Dermatology Clinicopathological Challenge. Si tratta di un caso clinico interessante in quanto la lesione, diagnosticata inizialmente come emangioma, è stata trattata con timololo topico e successivamente, nel sospetto che si trattasse di granuloma, con matita di nitrato di argento ed infine la biopsia ha consentito di giungere alla diagnosi di polipo ombelicale.

Fonti:
Nicola, Semeiotica neonatale;
Giorgio Bartolozzi, Pediatria;
Matthew Vasievich, A Bleeding Umbilicus in a Baby Boy, JAMA Dermatology Clinicopathological Challenge;
Abdelmonem A. Hegazy, Anatomy and embryology of umbilicus in newborns: a review and clinical correlations, Front. Med. 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *